Finalmente Roma!

Sabato 29 ottobre

Dopo quasi 6 ore abbondanti di treno finalmente eccoci a Roma.

Arrivati a Tiburtina prendiamo la metro diretti al nostro hotel (zona Prati).  Un biglietto della metro costa 1,5€. Si può fare anche il giornaliero o il Roma Pass. Quest’ultimo comprende sia uno/due ingressi gratuiti a delle attrazioni turistiche (e il resto dei musei è scontato) sia la possibilità di prendere metro, bus e tram illimitatamente per 48/72h.

Noi abbiamo optato per non acquistare la card in quanto l’hotel era abbastanza in centro e noi preferiamo sempre camminare. Tenete presente che se non volete entrare in molti musei le principali attrazioni sono gratuite.

A questo link troverete le informazioni relative al Roma Pass: http://www.romapass.it/.

Circa mezz’ora di metro e siamo arrivati al nostro hotel che si trova praticamente a cinque minuti a piedi dalla Corte di Cassazione. Attraversato il ponte si arriva a Piazza Navona e a destra del palazzo si trova Castel Sant’Angelo.

Consigliamo questa zona (Quartiere Prati) per alloggiare: è economica ed è a metà strada tra Città del Vaticano e il centro della città.

dsc_0456

Ok è giunto il momento di abbandonare il trolley in hotel e cominciare la visita di Roma. Cominciando da Castel Sant’Angelo.

La coda per entrare è decisamente troppa e ci accontentiamo di ammirare la magnifica roccaforte circolare dall’esterno. Passeggiamo anche nella zona circostante tra le bancarelle sul lungo Tevere che ricordano vagamente i bouquinistes di Parigi.

dsc_0011

dsc_0012

Castel Sant’Angelo fu costruita per ospitare le ceneri dell’imperatore Adriano. Successivamente nel VI secolo il suo nome divenne quello attuale in onore dell’angelo Michele che salvò la città dalla peste. Con il passare del tempo divenne di proprietà della chiesa e fu usato dal papa per difendersi in caso di attacco.

Il ponte che porterebbe a Castel Sant’Angelo, che noi abbiamo percorso al contrario, è disseminato di angeli progettati dal Bernini.

dsc_0013

dsc_0016

dsc_0017

Ci dirigiamo verso Santa Maria della Pace che risale alla fine del XV secolo. All’interno sulla destra si possono vedere degli affreschi di Raffaello. Siamo stati fortunati perchè sembra sia spesso chiusa.

dsc_0035

Eccoci in Piazza Navona decisamente affollata, fare una foto decente è quasi impossibile! La piazza è davvero bellissima. Al centro di questa si trova l’obelisco sulla fontana dei Quattro Fiumi (Nilo, Danubio, Gange e Rio della Plata). Questa fontana è opera del Bernini e risale al 1651 anche se di fatto solo il cavallo simbolo del Danubio è stato effettivamente scolpito da lui. Dietro alla fontana la Chiesa di San Agnese in Agone.

DSC_0065.jpg

DSC_0053.jpg

La facciata della chiesa è, invece, opera del Borromini e si dice che le figure rappresentate nella fontana si coprano gli occhi inorride alla vista di questa.

La chiesa merita assolutamente una visita e purtroppo non si possono fare foto. La Santa a cui è dedicata la chiesa è stata sgozzata con una spada dopo essersi rifiutata di sposarsi. A quel punto era stata denudata e portata in mezzo alla piazza e secondo la leggenda i suoi capelli erano cresciuti fino a coprirne le nudità. In seguito a questo affronto venne uccisa. Ora è considerata la protettrice delle giovani donne.

All’interno della piazza vi sono altre sue famose fontane quella del Moro e quella di Nettuno. Spesso ci si dimentica della loro presenza perchè si hanno occhi solo per quella dei Quattro Fiumi, ma vi consigliamo di prestare attenzione anche a queste.

DSC_0063.jpg

DSC_0066.jpg

DSC_0068.jpg

Come si può vedere non appena si mette piede nella piazza, questa ha forma ovale e si estende molto in lunghezza. Come mai? Perché originariamente era uno stadio, lo Stadio di Domiziano. Costruito nel I secolo.

A pochi metri dalla piazza troviamo la chiesa di Sant’Agostino.

DSC_0071.jpg

DSC_0072.jpg

Svoltiamo a sinistra della chiesa dove troviamo tutte le indicazioni scritte su cartelli di legno.

DSC_0073.jpg

Percorrendo fino in fondo la via arriviamo alla Torre della Scimmia. A questa torre è legata una leggenda. Una scimmia dopo aver rapito una bambina salì su questa torre ed il padre chiese aiuto alla Madonna per riavere la figlia. In quel momento la scimmia corse giù dalla torre e lasciò andare la bambina.

Sulla torre venne eretta una statua della Vergine con una lampada perennemente accesa.

DSC_0075.jpg

Vediamo Palazzo Madama dall’esterno (sede del Senato).

DSC_0079.jpg

DSC_0080.jpg

Passeggiamo fino a Piazza della Rotonda. La piazza, che in realtà è molto grande, sembra piccola considerando la fontana con l’obelisco, il Pantheon e la folla.

A nostre spese abbiamo scoperto che durante le funzioni religiose non è possibile entrare nel Pantheon (tappa rimandata ai giorni seguenti).

DSC_0082.jpg

Nella piazza si trova la caffetteria Tazza d’Oro, assolutamente da provare.

Dietro il Pantheon si trova un altro obelisco sorretto sulle spalle di un elefantino che si attribuisce al Bernini. Questo rappresenta la forza che sorregge la sapienza.

DSC_0088.jpg

DSC_0085.jpg

DSC_0089.jpg

Alle spalle dell’elefantino si trova Santa Maria sopra Minerva. Questa chiesa è l’unica di Roma in stile gotico. La chiesa è stata costruita sulle macerie di un tempio dedicato a Minerva.

All’interno il Cristo risorto di Michelangelo e la tomba di Caterina da Siena.

DSC_0090.jpg

È l’ora dell’aperitivo e perché non fermarci in Piazza di Pietra?

La piazza è molto carina e piuttosto tranquilla confronto alle altre. Su un lato della piazza si vede un colonnato antico molto suggestivo. Probabilmente la sera sarà illuminato con un effetto ancora più spettacolare.

Oltre ai bar ci sono anche dei negozietti. In più a rendere ancora più caratteristica la piazza ci sono alcuni artisti di strada che animano l’atmosfera.

DSC_0092.jpg

DSC_0094.jpg

Due Spritz dopo siamo pronti per continuare!

Ecco la colonna di Marco Aurelio e Palazzo Chigi.

DSC_0097.jpg

La colonna di Marco Aurelio del 180-190 d.C. narra le vittorie militari dell’imperatore. In cima San Paolo. I colori della sera e le luci la esaltano.

DSC_0100.jpg

Oltrepassiamo la colonna e svoltiamo a sinistra, dopo una piccola salita raggiungiamo la piazza che accoglie il palazzo di Montecitorio (sede della Camera dei Deputati), davanti al quale si trova un obelisco portato da Augusto dopo una battaglia in Egitto.

Se volete visitare palazzo Montecitorio è aperto la prima domenica del mese dalle 10 alle 18. I biglietti sono disponibili al Punto Camera in via del Parlamento 9/A. Controllate sempre dal sito camera.it se è possibile la visita del palazzo.

Sta scendendo la sera e passeggiamo per Via Condotti per raggiungere Piazza di Spagna. La via è piena di vita e di negozi. DSC_0104.jpg

Piazza di Spagna per noi rimarrà sempre la piazza più affascinante di Roma. C’è così tanta gente che le scalinata della Trinità dei monti è quasi interamente coperta di persone che sono sedute a chiaccherare ammirando il tramonto. I gradini sono stati recentemente restaurati e per quel poco che si riesce a vedere sono tornati al loro splendore. Il bianco contrasta con l’azzurro dell’acqua della Barcaccia e con il blu, ormai scuro, del cielo.

Anche la Barcaccia è stata recentemente restaurata e anch’essa è bianchissima. Più piccola di quanto immaginavamo ma anche più emozionante di quanto si può vedere dalla tv. Dopo l’attacco degli hooligan olandesi non credevamo che sarebbe tonata come prima e, invece, eccola come nuova.

DSC_0106.jpg

DSC_0108.jpg

Gradino dopo gradino siamo in cima alla scalinata con alle nostre spalle la Chiesa della Trinità dei Monti. E’ una sera magnifica e non possiamo fare a meno di ammirare un bellissimo tramonto dall’alto. I palazzi sembrano quasi riscaldati dal calore del tramonto e in lontananza si scorge il Cupolone di San Pietro.

DSC_0119.jpg

DSC_0110.jpg

Quando il sole sta per tramontare Roma si trasforma in una città diversa, più romantica! Sicuramente è una città molto versatile ma il suo lato antico trasuda da ogni suo angolo. Passeggiare per le sue strade ci fa sentire quasi in un’altra epoca e si attraversa la storia: dall’antico impero romano alla città eterna (perchè lo è davvero!) della dolce vita.

Roma è eterna non perchè niente è cambiato ma perchè l’atmosfera che si respira è sempre la stessa. Ogni volta che si torna in questa fantastica città ci si sente a casa, ci si sente parte della storia, della nostra storia.

E’ quasi ora di cena, ma prima passeggiamo nelle vie accanto alla chiesa. Sotto il curioso Palazzo Zuccari.

DSC_0126.jpg

Infine, percorriamo via del Babbuino fino a Piazza del Popolo.

dsc_0134

dsc_0138

dsc_0135

dsc_0139

dsc_0142

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...